mattino. specchi.

whilelm leisten

Ecco.

Il buon odore d’ un nulla quotidiano.

Tra il ginocchio e la gonna.

Scende. Sale. Mi riacchiappa.

Il silenzio mi ballicchia sui denti. Pure

una lunga controra di straccetti.

Ogni innamorata malinconia.

breviario

 

 

 

1383163_10151921247967922_307774156_n

 

Scrivimi due righe senza cigolii. Due accorate sommosse d’amore.
Fingile, s’è il caso. Pescale dal chiosco dei tuoi sbadigli. Trasformale
in soffice fiato su’ vetri. Che si ghirigora da sé. Per me. Per questo sciame
di lontananza. Per la firma d’addio ch’è scolorita in calce. Perché
non avevo capito, io, se non la persistente penombra. 
Lo scroscio.Non il temporale.

otium

 

figure. Jason Langer

 

 

Oh mi vedessi, tu, ora, a testa bassa a sbirciare il decoro del silenzio.

La vestaglietta che mi respira sul petto, le dita a legger poesie.

Come un cieco che l’accento d’un verbo vuol sentire.

Ah! Potessi tu palparmi l’ombelico del cuore, il ventre,

il pube che di lontananza sfata. La tua giocondria, sfata.

Il credito delle tue mani. La calca dei baci.

 

( Foto di Jason Langer )

tout court

 

fotoedo2

 

Sei passato tra i miei capelli.

Diventami vento, ho pregato.

Come bambini con le mani all’aria

madama Dorè non è figlia di re

tumblr_llpp80DLqo1qzpq9qo1_250

Si spalma il belletto Madamadorè
La gonna a fossetta scucita dal re
Madama coi piedi di nulla mutato
Smalto di tigre appena appannato
Dorè che dal treno si getta nel mare
Voglia ha di chiocciole da sbaciucchiare
Dire a Nettuno quanto le garba
Scordarsi del mondo nella sua barba
Intanto in quel treno un libro s’aprì
Ed erano i ciuffi d’un bel colibrìiiiiii!!

( Simpaticamente. Tua. )

Qui

 

 

 

1920152_10152246782182922_940293028_n

 

 

L’ alba, i ciclisti, la vanità della rugiada.

Fiotti di palme e gerani. Un gesto azzurro

di mare. E le fusa d’una stella che non ti vede tornare.

*

Non siamo durati che un tonfo e un ritorno.

/ D’una discesa di baci. D’un vestito sfatto.

D’un lenzuolo a misfatto. /

a notte. stelle.

10342751_805115829528118_3544714669339949762_n

Ho perso anche questo cader di stelle. Invisibile come la polvere che dentro un libro dorme. Dentro una svenuta poesia. Ho perso i petali del languore mentre il cielo al mare si consegna e ai pesci riporta le fuggiasche lucette. Ogni tentazione ho sfinito come un cane pigro che solo il sasso annusa. L’ombra del roseto lontano. E col vermetto gioca. Con la pioggia che dorme nel catino.

Segni

dorisirolo2

Così mi morde il tuo nome sul petto.

La saliva avanzata, il chiasso dell’ombra.

temps. petit.

karine9

Dei tuoi peccati m’assolvo. Dell’acqua

benedetta dai tuoi baci. Del disordine

delle tue spalle. Catino d’ onde in fuga.

E.

D’ una primavera, persino. Persino provvisoria.

Irritornabile. Persino.

d’estiv vita

 

405213_3427785859751_1071642186_n

Cerco di non ascoltarla più la musica. Cerco di risolvere anima e orecchio solfeggiando appena qualche innocuo ricordo. Qualche finestrella che s’apparecchia verso due nuvole a picco. Verso l’ est, o, l’ asterisco d’orizzonte. Puntuale, prevedibile. Utile al sol fuoco di stagione. Cerco di non inciamparmi di sillabe quando mi torni in nome, nella moscacieca d’ogni carezza che vuole rincasare. Il cuore cerco di salvarmi. Le pieghe del fegato, il palpitare dei polmoni. La brace mi fo bastare; l’ago che pettina qualche orlo rimasto. L’intesa tra la sedia e il ciondolìo delle chiavi. A pomeriggio. A notte. Chiuso il cancello del mare. Chiuso. I pesci a scrivere il buio. Mentre scompari. E. Pure l’immaginario. Scompare.

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 117 follower